Trading forex: l’importanza delle strategie

Molte persone paragonano erroneamente il trading online alle scommesse. Uno dei punti per i quali, al contrario, il forex e gli altri tipi di gioco in Borsa non rappresentano affatto un’attività che possa in qualche modo assomigliare allo scommettere è, senza dubbio, la necessità di utilizzare un piano strategico. Il mercato valutario, più di altri, esige un’attenta valutazione dei trends dei prezzi: solo in questo modo potrai sperare di avere successo con le valute e assicurarti dei guadagni concreti e duraturi. Le strategie forex sono tutte caratterizzate dall’utilizzo di diversi strumenti di trading, ed è per questo che il gioco in Borsa, piuttosto, può essere definito a tutti gli effetti come un vero e proprio mestiere. Leggi tutto “Trading forex: l’importanza delle strategie”

Plafoniere Industriali a Confronto LED Vs Lampade a Scarica (neon)

Plafoniere industriali LED e le lampade Neon Industriali ( a scarica) sono messe a confronto da diverso tempo. Scopri perchè la plafoniera LED è migliore.

Le Plafoniere a LED Industriali sembrano aver progressivamente soppiantato le seconde, che comunque mantengono un certo ruolo nell’ambito dell’illuminazione di capannoni industriali. Mettiamo a confronto entrambi gli elementi, valutandone pro e contro e scoprendo quale dei due è da scegliere in qualità di plafoniera industriale.

Il fattore economico e l’autonomia

Il primo aspetto che un cliente considera quando intende acquistare un sistema di illuminazione per capannoni riguarda sicuramente la somma da denaro da investire. In media, i plafoniere a LED industriali prezzi sono inferiori di circa sei volte rispetto alle lampade a scarica.

Le differenze sono enormi anche nell’ambito dell’autonomia, con le plafoniere industriali LED che possono funzionare per oltre 100 mila ore consecutive e le plafoniere Neon industriali che si fermano a 15 mila. Un discorso valido per tutti gli elementi relativi alla manutenzione, molto più onerosa e frequente per il Neon.

La questione energetica

La differenza si nota anche dal punto di vista dei consumi energetici. Le plafoniere industriali che funzionano mediante il LED fanno segnare una netta diminuzione alla voce relativa ai costi di esercizio rispetto al Neon. Le moderne lampade sono considerate come un autentico capolavoro di tecnologia, unito a consumi di energia estremamente bassi. Il consumo scende di oltre il 50%, con un risparmio che appare lampante. Inoltre, se un’azienda possiede un capannone e lo utilizza a ciclo continuo, il risparmio sull’energia consumata con le plafoniere a LED industriali è ancora superiore.

L’impatto ambientale

Un altro dei massimi punti di forza di una moderna plafoniera industriale LED rispetto alle ormai superate plafoniere Neon industriali riguarda l’efficienza energetica. I benefici per l’ambiente circostante sono piuttosto lampanti grazie alla totale assenza di gas tossici e ad uno smaltimento molto più semplice ed immediato. Sono molto ridotte anche le emissioni di anidride carbonica, con l’opportunità di avere a che fare con un prodotto fortemente eco-sostenibile. Di conseguenza, le plafoniere a LED per capannoni risultano molto più ecologiche rispetto a quelle in Neon e non provocano alcun danno all’atmosfera.

La qualità delle due luci

Ora mettiamo a confronto la qualità delle modalità di illuminazioni. Tale fattore può essere considerato davvero fondamentale sia per la produttività, sia per la sicurezza sul luogo di lavoro, favorendo una corretta prevenzione di eventuali infortuni. Le plafoniere a LED industriali presentano una resa cromatica nettamente superiore rispetto alle vecchie lampade a scarica e fanno in modo che la produttività dei lavoratori possa crescere in misura esponenziale. Va sottolineata anche la netta diminuzione dei punti luce, con il LED che garantisce un fascio luminoso molto più ampio rispetto al Neon. La distribuzione generale dell’illuminazione è molto più coerente grazie ad una diffusione a 120 gradi, coadiuvata da un sistema di ottiche aggiuntive che consente agli operatori di svolgere al meglio il loro lavoro. E i benefici per tutta l’industria si notano in maniera pressoché immediata.

La sicurezza di entrambe le plafoniere industriali

L’ultimo aspetto che abbiamo scelto di porre in evidenza riguarda la sicurezza. Le plafoniere a LED per capannoni industriali consentono ai dipendenti di operare con maggiore tranquillità grazie ad un’emissione di calore nettamente inferiore rispetto alle plafoniere Neon industriali. Le temperature di esercizio si mantengono così stabili, così come la prevenzione degli incendi diventa molto meno pericolosa. Da segnalare anche la diminuzione del voltaggio dell’esercizio, con la riduzione del rischio di subire folgorazioni e scosse elettriche improvvise. Tali differenze vengono dimostrate anche dalla conformità dei moderni dispositivi agli standard di sicurezza a livello europeo.

Conclusioni generali

Ora non resta che fare le dovute valutazioni finali sui due sistemi di illuminazione destinati ai capannoni industriali e, più in generale, ad ambienti lavorativi piuttosto ampi. Le plafoniere LED industriali sembrano avere tutto a loro favore, anche se sono altamente sconsigliati i dispositivi con bulbo o i semplici tubi. In tutti i casi, prima di intraprendere qualsiasi operazione, è necessario progettare con la massima cura l’impianto di illuminazione, scegliendone le caratteristiche con impegno ed oculatezza. Gli scopi finali devono essere quelli di garantire un lavoro di massima qualità ai dipendenti e di ridurre al minimo costi di gestione e consumi energetici.

Ecco cosa devi sapere sui piatti pronti surgelati

L’utilizzo di piatti pronti surgelati può rappresentare un buon escamotage per migliorare il servizio della propria attività di ristorazione: che si sia in possesso di un bar o di un’azienda che offre catering per feste e cerimonie, le pietanze pronte da scongelare potrebbero permettere un ampliamento della propria offerta verso la clientela, e quindi un conseguente miglioramento dei profitti.
I produttori di piatti pronti surgelati si occupano di tutti i tipi di portate, dagli antipasti fino ai dessert. L’unica cosa che resta da fare è trovare, magari anche online, l’azienda che offre i prodotti che desiderate.
Facendo una breve ricerca, infatti, si può verificare quali sono le aziende più quotate ed affidabili.
Inoltre, sono tantissime anche le attività che si occupano specificatamente di un solo tipo di pietanza. Possiamo fare riferimento, ad esempio, alla pasta fresca surgelata, offerta sia in versione semplice che ripiena. Essa può essere utilizzata nei ristoranti, nei self service, nelle attività di catering o nei bar che vogliono offrire anche la possibilità di consumare un pasto al proprio interno.
La scelta, dunque, è molto ampia, per cui non rimane che prestare le giuste attenzioni ai dettagli rilevanti.
Per questo motivo offriamo qui una breve lista di quelle che sono le caratteristiche più importanti a cui dare peso:
• Naturalmente bisogna verificare la qualità dei prodotti e degli ingredienti utilizzati all’interno dei piatti pronti surgelati. Tutte queste informazioni sono solitamente riportate sulle confezioni (sia sulle vaschette monoporzione che sulle scatole più grandi).
Facendo un accurato controllo sui prodotti utilizzati dalle aziende di pietanze surgelate si è sicuri di tutto quello che si sta offrendo alla propria clientela.
Si consiglia di assaggiare in prima persona quelle che sono le pietanze offerte, così da poter evitare acquisti infelici.
Come si potrebbe proporre nella propria attività qualcosa che non si consumerebbe con piacere nel privato?
• Un ulteriore fattore da tenere in considerazione è il metodo di surgelamento. Ci sono leggi sempre più ferree e specifiche che riguardano questo settore, sia dettate dallo Stato italiano che dall’Unione Europea, per cui sarà quasi impossibile entrare in contatto con delle società scadenti.
Solitamente il congelamento avviene in ambienti asettici, subito dopo la cottura per evitare l’utilizzo di conservanti artificiali.
Con questo metodo i piatti pronti possono essere conservati per un massimo di circa 30 giorni.
Se l’azienda produttrice con la quale si entra in contatto non rispetta queste norme, è assolutamente da scartare a priori.
Queste appena riportate erano le due principali preoccupazioni riguardo la produzione e la conservazione dei piatti pronti surgelati.
Con queste premesse è possibile rendere un servizio più che buono ai propri clienti. Basta solamente fornire la propria attività con un congelatore adatto alla conservazione dei prodotti surgelati e un microonde: in pochi minuti offrirete al consumatore una pietanza gustosa di qualità.
Come già accennato in precedenza, basta testare in prima persona i prodotti delle aziende di questo settore, ed è proprio questa la nota più positiva di tutte: se non si rimane soddisfatti, si può tranquillamente cambiare idea!

Senup la crema per aumentare il seno

Senup è la crema prodotta da Bioness che consente alle donne di aumentare il volume del seno grazie all’azione di ingredienti naturali. Gli effetti che Senup può avere sul seno delle donne dopo solo qualche settimana di applicazione a volte sono straordinari e a volte possono essere circoscritti.

Infatti, la crema seno Senup può far lievitare il seno inteso come aumento di volume esercitando un’azione sui tessuti adiposi che circoscrivono i due seni rendendo il seno più volumisoso e consentendo a molte donne di riuscire a riempire meglio il reggiseno.

Non per tutte le donne però Senup ha un’effetto certo, di sicuro molte donne che hanno acquistato la crema con la speranza di veder un seno rinvigorito e più tonico durante l’allattamento, hanno notato che Senup, oltre ad un’azione rassodante e ringiovanente non ha portato.

Questo è ovvio, in quanto gli ingredienti della crema seno Senup sono utili ad aumentare si i tessuti adiposi del seno, ma non ad agire su seni che sono sottoposti a stress come l’allattamento.

Come fa Senup ad aumentare il seno? questa crema creata negli Stati Uniti è riuscita a offrire alle donne di mezzo mondo un risultato soddisfacente in termini di incremento di volume del seno, in alcuni casi di uso prolungato addirittura di aumento di due taglie, grazie ai suoi ingredienti. Riportiamo gli ingredienti specificati sulla confezione originale di Senup:

  • Acqua
  • Olio di Germe di Triticum Vulgare
  • Olio di oliva
  • Amido idrossietilico
  • acrilicato di sodio
  • Gomma di xantano
  • polimero acrilico Acryloyldimethyl taurate copolymer
  • l’estratto di gliceride glabra
  • l’olio di Finocchio
  • l’estratto di polvere di pueraria lobata (dalla pianta Kudzu)
  • l’olio di semi di Anice comune
  • l’olio di Jojoba
  • glicerina
  • fenossietanolo
  • isoesadecano
  • Carbopol
  • polisorbato 60
  • etilesilglicerina
  • Sorbitan isostearato
  • limonene
  • d-limonene
  • linalolo

La crema per il seno Senup può essere acquistata soltanto in Italia non solo sul sito ufficiale di Bioness, ma anche tramite ogni altro sito web che ha il form di richiesta ordine collegato con quello del produttore.

Senup può essere comprato solo online dunque, anche se esistono per il futuro dichiarazioni dei commerciali di Senup che stanno provando a far giungere in vendita la crema anche nelle farmacie. Questo probabilmente porterà ad un aumento non solo del seno ma anche del prezzo di Senup che ricordiamo essere questo:

  • 1 confezione di Senup a 49 euro
  • 2 confezione di Senup a 69 euro (SCONTO 30%)
  • 3 confezione di Senup a 79 euro (SCONTO 45%)
  • 5 confezione di Senup a 99 euro (SCONTO 60%)

Dove trovare opinioni e recensioni sui condizionatori portatili affidabili

La caratteristica peggiore del clima di un paese è quella di avere estati calde umide. L’Italia rientra proprio in questa categoria ed il ventilatore spesso serve a ben poco. La soluzione migliore è quasi sempre acquistare un condizionatore, che è in grado non solo di rinfrescare l’aria all’interno della propria abitazione ma anche di deumidificarla tramite l’apposita funzione.
Ultimamente, sono molto in voga soprattutto i condizionatori portatili, in grado di poter essere trasportati da un ambiente all’altro a seconda delle necessità.
Nel caso dei condizionatori classici, si è vincolati all’acquisto di più prodotti per garantire il ricircolo d’aria in tutta la casa.
Vi sono da aggiungere i costi di montaggio, che deve essere fatto da esperti assieme ad elettricisti a meno che non sia presente una precedente predisposizione nel circuito.
Inoltre, il condizionatore a muro è anche molto più difficile da pulire.
In questo articolo abbiamo riassunto alcune opinioni sui condizionatori portatili trovate online dalle quali potrete partire per decidere se procedere o meno all’acquisto.
I vantaggi del prodotto sono da subito evidenti: intanto, lo si può utilizzare sin dal momento in cui è a casa, senza costi aggiuntivi di alcun tipo.
Come già anticipato, lo si può posizionare dove più è comodo e trasportarlo di stanza in stanza senza troppa fatica: nella maggior parte dei casi ne basta uno per l’intera famiglia se la casa non è di dimensioni eccessive.
Nel peggiore dei casi, se non lo si vuole più utilizzare, per conservarlo basta coprirlo con buste di plastica che evitano di farvi entrare polvere e sporcizia. Lo si può rivendere se non si è soddisfatti, senza aver causato danni alla struttura della propria casa, né all’interno che all’esterno (come succede, invece, nel caso dei condizionatori tradizionali).
Sono queste le principali motivazioni per cui sempre più famiglie italiane si forniscono del condizionatore portatile.
Ne esistono di tutte le fasce di prezzo, di tutte le classe energetiche e di tutte le dimensioni. Tuttavia, bisogna considerare soprattutto la potenza del condizionatore portatile che si vuole acquistare. Se la dimensione delle stanze della vostra abitazione non è eccessiva, non c’è la necessità di strafare per quanto riguarda appunto la potenza.

Come scegliere un conto corrente

Il conto corrente bancario permette all’utente di usufruire di tutta una serie di servizi e facilitazioni offerte dalla banca e depositare denaro. Essere titolari di un conto corrente bancario offre molti vantaggi come accreditare lo stipendio o la pensione, incassare e ricevere denaro, automatizzare pagamenti ricorrenti come le bollette di casa, richiedere carte di pagamento, a debito o a credito e disporre pagamenti tramite assegni.
Tutti gli istituti bancari permettono l’apertura di un conto bancario, è importante valutare molti parametri per una scelta che più s’addice effettuare ai proprio bisogno.

Come scegliere un conto corrente bancario

Nel momento in cui si ha un’esigenza di aprire un conto è bene valutare le moltissime offerte che ci vengono presentate, online o tramite gli istituti. Bisogna innanzitutto effettuare un’analisi dei propri bisogni e della propria spesa, se abbiamo la necessità di effettuare depositi a lungo termine e investimenti.
La domanda che molti si fanno su come scegliere un conto corrente è in base al costo del servizio proposto ma il punto focale su cui concentrarsi è il proprio profilo. Una famiglia di quattro persone avrà necessità diverse di un single, un imprenditore o libero professionista avranno necessiterà diverse da un dipendente o pensionato. Identificare il proprio profilo è il punto fondamentale per effettuare una scelta consona e appropriata poiché da questo dipendono vari fattori come il numero di prelievi presso gli ATM bancomat in Italia e all’estero, il numero di bonifici da eseguire online o in istituto.

Scegliere un conto corrente, le varie tipologie

Sono molte le tipologie di conti correnti proposti dagli istituti di credito: esistono le tipologie di conti a zero spese, ideali per chi deve eseguire poche operazioni che non hanno costi fissi ma anche costi variabili in base ai bisogni del momento. i conti tradizionali al contrario hanno un costo fisso, sono più costosi poiché prevedono facilitazioni interbancarie, o un servizio dedicato alla persona allo sportello. In generale per scegliere un conto corrente che più s’addice alle caratteristiche della persona è anche bene tenere presente l’età del futuro correntista, tra le molteplici scelte a disposizione troviamo i conti dedicati ai minori, per chi entra nel mondo del lavoro prima dei 25 anni e poi i conti dedicati ai pensionati. Queste suddivisione temporale consente una prima cernita sul vostro profilo e quindi a quale conto dovrete rivolgervi per trovare quello che fa per voi.
Se avrete ancora dubbi su quale sia il vostro profilo esistono molti comparatori online che gratuitamente, richiedendovi pochi dati, analizzeranno un database consigliandovi il conto corrente più consono alle vostre esigenze.

Usa la crema rassodante seno per avere dei seni belli e forti

La crema rassodante seno è noto per essere il metodo più sicuro e migliore per aumentare la dimensione dei busti. Queste creme sono prodotte sia per uomini che per donne. A causa della diminuzione del livello di ormone chiamato prostaglandina, il seno comincia a scivolare e perdere la sua fermezza dopo l’età di quaranta. La maggior parte delle persone optano per l’impianto chirurgico e l’allargamento dei seni, che non solo sono costosi ma includono anche una serie di complicanze.

Motivi per cui la crema rassodante seno è preferita

Sia gli uomini che le donne preferiscono usare la crema rassodante seno in quanto raramente dimostra alcun tipo di effetti collaterali. Ci sono diversi tipi di pillole e interventi chirurgici che aiutano a migliorare la dimensione dei seni. Queste procedure comportano molti rischi per la salute come la rottura, l’emorragia, le infezioni e così via. La maggior parte delle persone optano per metodi migliori e più sicuri per raggiungere il seno più pieno e voluttuoso.

L’uso della crema al seno è uno dei metodi più sicuri e convenienti per avere seni più forti e più grandi. Ci sono centinaia di varietà di creme che aiutano a migliorare la dimensione del seno ma solo alcuni di essi contengono gli ingredienti attivi che veramente supportano la crescita e la fermezza dei busti.

La crema rassodante seno comprende anche molte varietà di qualità superiore che contribuiscono a tonificare e allargare i seni. La maggior parte di queste creme contiene l’ormone chiamato prostaglandina che aiuta a migliorare la dimensione e la forma dei seni.

Rispetto ad altri metodi, compresi gli interventi chirurgici e il consumo di pillole, queste creme aiutano la crescita dei busti in modo naturale. Contribuisce a ridurre PMS o sindromi premenstruali e migliora il flusso sanguigno. Queste creme aiutano anche a migliorare i tessuti grassi dei busti. La produzione di ormoni sessuali femminili è regolata con l’uso di queste creme. Tonifica e rivitalizza i busti e gli conferisce un aspetto più pieno e più grande.

Molte persone preferiscono utilizzare queste creme perché sono facili da applicare e comportano minori complicazioni rispetto agli interventi chirurgici. Poiché la maggior parte di queste creme sono disponibili sul bancone, non c’è quasi nessun requisito per una prescrizione medica.

Ci sono molte creme del seno a base di erbe che aiutano a migliorare la dimensione dei seni. Le erbe usate in queste creme stimolano la crescita dei tessuti e danno una forma tonica ai busti.

Suggerimenti fondamentali per l’applicazione della crema sena

Ci sono alcuni suggerimenti da seguire per l’applicazione di queste creme. La maggior parte di queste creme sono efficaci in quanto viene utilizzata di conseguenza. Una zona specifica del seno dove è desiderata la valorizzazione dovrebbe essere massaggiata accuratamente per ottenere i migliori risultati.

È inutile applicare la crema rassodante seno senza una corretta massaggiatura in quanto non sarà correttamente assorbita dal corpo. Massaggio efficace aiuterà a ingrandire e tonificare il seno per formare una forma perfetta. È anche importante evitare l’area del capezzolo applicando questa crema.

Anche se i prodotti contengono ingredienti a base di erbe, è molto importante seguire le istruzioni menzionate come sopra il dosaggio o il dosaggio sbagliato può portare ad effetti nocivi.

Porno dipendenza e conseguente disfunzione erettile

Il fenomeno che in america è chiamato “Creep Porn” è definito come una condizione che deriva dall’osservazione costante o eccessiva di video porno o di materiale pornografico. E’ caratterizzata da un’incapacità di avere un’erezione in circostanze che non comportano la visione di materiale pornografico.

La disfunzione erettile (o DE) è l’incapacità di sviluppare o mantenere l’erezione nei maschi ed è dilagante in quelli con una dipendenza da pornografia nella nostra era di internet- molto più di quanto non fosse precedentemente.
Preoccupante, è che il fenomeno è stato accompagnato dallo stato relativamente a maschi adulti che non solo sono vergini, ma che avrebbero anche sofferto di disfunzione erettile di una certa caratura. Ancora più preoccupante è che sempre più giovani maschi vergini – anche giovani dai 14 a 16 – soffrono di disfunzione erettile.
Molti maschi descrivono le loro esperienze amorose essere al 100% di carattere pornografico e che questo. Questi uomini vanno dalla fascia di età da ragazzi adolescenti a uomini nel loro 30 anni pieni. Alcuni hanno le cosiddette bambole del sesso.

Un giovane ha mandato un email in un noto sito di recupero da dipendenza sessuale “Ho 18 anni e sono un pornodipendente da alcuni anni; inizialmente ho iniziato a guardare porno eterosessuale, poi sono passato a lesbiche, transgender, porno gay, scene di sesso con animali, sesso sadomaso, donne anziane, giovani e omosessuale. Sono gay? Non so, non ho mai sentito alcuna attrazione per gli uomini prima ma ora ho anche iniziato ad andare ad incontri di questo genere agli annunci. Non so se è a causa della escalation o se sono segretamente gay. Il rimorso mi sta mangiando vivo.”

Alcuni giovani si illudono che un rapporto con un partner reale risolverà la loro dipendenza. Un pornodipendente ha scritto quest’email. “Ho23 anni ora e la mia porno dipendenza è iniziata molto presto. Speravo che quando avrei visto una ragazza avrei smesso la mia fase ossessiva di masturbazione risolvendo il problema. Tuttavia non è successo”.
Questo tipo di testimonianze è scritto più e più e più volte dai tossicodipendenti pornografici.
Tuttavia la pornodipendenza può essere sconfitta ed è bene rivolgersi ai centri di recupero che sono nati in tal senso.

Alluce valgo: prevenzione e rimedi

Il piede è una struttura complessa e non vi è altra apparecchiatura per effettuare un lavoro così laboriosa che contribuisce alla autonomia e l’indipendenza della vita degli anziani. Può essere che oltre verificano problemi di tempo che possono limitare il movimento. Malattie e disturbi del piede sono a tutte le età, ma dopo 60 può avere più influenza sulla vita quotidiana. Le statistiche sono lì per aiutarci vedere quante persone soffrono di disturbi ai piedi:

– Il 20% delle persone sotto i 50 anni
– 42% delle persone tra i 50 e i 60 anni
– 64% dei sessantenni

Lesioni del piede, anche se minore, è in grado di promuovere uno stato di difficile equilibrio mantenimento e l’andatura. La malattia più comune che affligge gli anziani è rappresentato dall’alluce valgo. L’alluce valgo è molto comune ed è causata da un osso deformità dell’alluce che è il movimento della prima falange del dito verso l’esterno, mentre le altre falangi sono orientate verso l’interno. L’alluce valgo, oltre ad essere sgradevole è anche molto doloroso.

Quali sono le cause di alluce valgo?

Le cause che portano alla comparsa di valgo non sono del tutto chiare. Fattori ereditari possono entrare in gioco ma il problema può anche svilupparsi come conseguenza di traumi, reumatismi o malattie infiammatorie gravi. Ci sono anche cause “meccaniche” che facilitano il loro aspetto e certi comportamenti evitando quindi possono essere prevenute. Inoltre, alcuni tipi di calzature inadatte per la fisiologia del piede può peggiorare la situazione, contribuendo al deterioramento della tensione e il dolore. Un altro motivo che facilita la comparsa di alluce valgo flatfoot è spesso associata a questa malattia. La curvatura ridotto della pianta può portare ad un sovraccarico dell’avampiede.

C’è un modo per evitare che l’alluce valgo?

Alcune pratiche possono migliorare il dolore e la funzionalità del piede. Si consiglia di camminare a piedi nudi sull’erba, sporcizia, sabbia, terreno ripido, per ristabilirne la funzionalità. Devi fare spesso palestra di riabilitazione attivando tutti i modi possibili le dita esercizi di rafforzamento, come raccogliere oggetti con le dita dei piedi, che si estende, sollevando i piedi e stretching in piedi con le rotazioni, che si estende e contrazioni che aiutano il flusso di sangue. Parallelamente a questo, dobbiamo evitare di usare troppo i tacchi alti e punta stretta.

Come intervenire una volta sviluppato alluce valgo

Per le forme modeste è la situazione o per il confezionamento di una pianta può ancora custodito, mentre nei casi più gravi si ricorre alla chirurgia. A differenza di qualche tempo fa, quando l’operazione non ha risolto il problema a tutti come alluce valgo è stato riformato dopo qualche tempo, la chirurgia è ora molto più affidabile grazie a perfezionare le varie tecniche.

Resta sulla cresta dell’onda, per la tua Link Building affidati a Link Builder Italia

Sono diversi anni che nel mondo del lavoro si fanno sempre più spazio le Web Agency, le quali aiutano coloro che hanno bisogno per lo sviluppo di siti, e-commerce, blog, applicazioni e tutto quello che è necessario per avere una posizione sul web. Leggi tutto “Resta sulla cresta dell’onda, per la tua Link Building affidati a Link Builder Italia”

Garcinia Cambogia opinioni: l’HCA favorisce davvero la perdita di peso?

Se lo chiedono in molti, ma sono anche di più coloro che possono testimoniare che l’acido idrossicitrico funziona davvero. Le garcinia cambogia opinioni sul web sono numerosissime e per lo più caratterizzate da un elemento comune: la soddisfazione! Naturalmente stiamo parlando dell’integratore alimentare del momento. Portato alla fama dal Dottor Oz, chirurgo e professore universitario statunitense. Per chi ancora non lo sapesse, la garcinia è l’estratto del frutto di una pianta tropicale, che contiene principalmente acido idrossicitrico. Questa sostanza, come si evince dalle testimonianze, aiuta l’organismo ad espellere i grassi in eccesso. Vediamo come.

Garcinia Cambogia opinioni: che cos’è la citrato liasi?

La citrato liasi è l’enzima responsabile della sintesi degli acidi grassi nell’organismo. E’ molto importante capire la sua funzione per comprendere come agisce l’HCA. Detto in parole molto semplici, questo enzima non fa altro che trasformare i carboidrati ingeriti in grassi. Nel caso di metabolismi lenti e di vita sedentaria, tale operazione può portare ad un accumulo di grassi, che danneggiano l’organismo. E che, naturalmente, portano il corpo ad ingrassare.

E’ proprio in questo processo che interviene l’acido idrossicitrico, se assunto nelle giuste quantità e in un modo corretto. L’HCA infatti inibisce la citrato liasi. Ovvero ne blocca l’attività. In questo modo, i grassi in eccesso non si accumulano, ma vengono espulsi o trasformati in energia.

Diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato che in un soggetto sano, 1500 mg di garcinia al giorno possono aiutare l’organismo a perdere peso in modo tre volte superiore rispetto ad una qualsiasi altra cura dimagrante.

Trattandosi di un prodotto naturale al 100%, non sono stati segnalati effetti collaterali. Al contrario, la gummi gutta, altro nome della sostanza, sarebbe in grado di agire anche a livello cerebrale, migliorando l’umore e placando la fame.

Acido idrossicitrico: dove si compra?

Vi è una netta differenza tra la garcinia proposta da rivenditori autorizzati online e i numerosissimi prodotti a base di HCA che possono essere acquistati anche nei supermercati.

Infatti, per essere realmente efficace, una confezione di gummi gutta deve contenere HCA per almeno il 60%.

E’ dunque importante non lasciarsi ingannare da sconti stratosferici o da pubblicità false. La vera gummi gutta ha il suo costo, che si aggira attorno ai 50 euro a confezione, e la sua specifica composizione.

Su questo aspetto, le garcinia cambogia opinioni degli utenti possono aiutare ad individuare i migliori rivenditori.

Cosa significano gli Arcani Maggiori

I Tarocchi aiutano a fare il punto della situazione e danno suggerimenti sul comportamento da adottare in date circostanze. Quando c’è un problema di cuore da affrontare, i tarocchi aiutano anche se non svelano il proprio futuro. Ecco come consultare gli Arcani Maggiori e Tarocchi dell’amore.

Il mazzo dei Tarocchi

Il mazzo dei Tarocchi comprende 78 carte, ciascuna ha un preciso e particolare significato che necessita di interpretazione e di contestualizzazione. Ci sono diversi metodologie per la lettura dei Tarocchi e per poter risolvere le questioni amorose: determinati metodi usano l’intero mazzo di carte, invece altri comprendono soltanto gli Arcani Maggiori.

Gli Arcani Maggiori, sono chiamati pure Trionfi, si tratta di un gruppo di 22 carte dei Tarocchi considerate chiavi per la meditazione, la crescita personale e la divinazione. In base alla cartomanzia, gli Arcani Maggiori vanno a racchiudere i segreti più grandi e insieme ai loro simboli, i loro colori e le relative figure archetipe parlano ed aiutano per la comprensione della propria situazione d’amore. Con la consultazione degli Arcani Maggiori si ha la possibilità di guardare dentro se stessi e di dare voce alle proprie emozioni ed alle paure.

E’ importante ricordare che il simbolismo dei Tarocchi ed in special modo degli Arcani Maggiori è inesauribile. Ciascuna carta va ad evocare in se stessi sensazioni ed emozioni differenti e per avere una risposta ai propri dubbi in amore si deve considerare pure ciò che gli Arcani Maggiori vanno a suscitare emotivamente.

Il significato di alcuni Tarocchi in amore

Per il significato che potrebbero avere gli Arcani Maggiori dei Tarocchi nelle situazioni amorose, occorre considerare che a seconda della posizione di lettura, una carta al rovescio avrà un opposto significato rispetto alla carta al dritto.

Nello specifico, il mago rappresenta una persona caratterizzata da una grande intelligenza creativa e che quindi tende ad emanare fascino ed attrazione. Potrebbe significare il desiderio di cominciare una nuova relazione oppure di un nuovo amore.

La Papessa rappresenta la grande forza dell’intuizione, è espressione di sincerità ed anche di purezza, in amore, potrebbe significare affinità interiore, ma pure profondo affetto e premure. Rappresenta un invito ad andare al di là delle apparenze e a fidarsi di quelle che sono le proprie intuizioni.

L’imperatrice è il simbolo della forza creativa della Natura, va a rappresentare l’evoluzione positiva di un rapporto ed anche una probabile gravidanza.

L’imperatore rappresenta invece il potere terreno ed anche la possibilità di poter soddisfare il bisogno di sicurezza e di uno stabile rapporto. Invita all’impegno in modo concreto e tradizionale, per una buona riuscita di una relazione.

 

Guide e tutorial per dare una risposta alle domande più frequenti della rete

Troppo spesso alcune delle domande che riguardano la rete ed i suoi problemi non riescono a trovare una risposta che risulti essere precisa e perfetta sotto ogni punto di vista.
Proprio per questo motivo nasce un portale che riuscirà sicuramente nell’impresa di offrire delle risposte che risultano essere precise e perfette per le proprie esigenze.

Un mondo fatto di risposte poco convincenti

Problemi di connessione, di creazione di una rete sicura ed anche tantissime altre tipologie di situazioni che sembrano irrisolvibili rientrano nelle tematiche che vedono coinvolto il web.
Trovare una risposta che sia in grado di risolvere quel tipo di problema, sfruttando internet, sembra essere tutt’altro che semplice come missione da portare al termine.
Per questo motivo risulta essere possibile poter fare affidamento su un portale che sarà effettivamente in grado di rispondere, in maniera unica, a tutte queste domande.

Un portale che aiuta i navigatori del web

Comunicato24: è questo il nome del portale online che risulta essere in grado di offrire quel tipo di risposta ad una persona che intende risolvere le diverse domande che riguardano computer ed il web.
Le guide offerte da questo portale risultano essere in grado di garantire quel tipo di risposta semplice e completa, cosa che non bisogna assolutamente sottovalutata.
La risoluzione di un problema avverrà in un modo che risulta essere praticamente automatico, senza che vi possano essere delle complicazioni di ogni genere che, effettivamente, potrebbero rendere meno piacevole l’utilizzo del web.
Sarà quindi molto importante valutare questi particolari aspetti i quali saranno in grado di poter essere toccati con mano senza alcun errore.
Col sito web delle guide per il web sarà possibile poter riuscire ad evitare che, la situazione, possa divenire tutt’altro che piacevole da sostenere, lasciando solo il piacere della risoluzione dei problemi in maniera rapida e veloce.

I prezzi delle piscine fuori terra

E’ bene fare chiarezza nel trovare le occasioni per comprare il modello di piscina che soddisfa di più le proprie esigenze, difatti, quanto costa una piscina interrata?

Acquistare le piscine fuori terra

Le piscine fuori terra rappresentano la soluzione migliore per chi vuole una piscina senza dover pagare cifre esose. Ne esistono vari tipologie, si può scegliere fra un tipo con struttura rigida, formata da una lamiera di acciaio, in legno o in PVC, o anche modelli di piscine gonfiabili, prodotte con materiali in gomma. Le dimensioni sono varie in base a chi le dovrà usare.

Il tipo base è quello più basso, adatta ai bambini, per poi arrivare a quelle più alte, più complesse che presentano i vari comfort, sono più idonee per i grandi, permettendo di trascorrere una giornata immersi nella piscina di casa propria.

Ogni tipologia di piscina ha un relativo prezzo, che varia in base al materiale che si sceglie e agli optional compresi nel tipo di piscina scelta. C’è anche la possibilità di acquistarle, in particolare in precisi periodi dell’anno, ad un prezzo molto più conveniente. Le piscine Bestway ad esempio, partono da un importo di 70 euro che è il prezzo per una piscina di base, adatta per i bambini e per farli divertire, fino a spenderei 682 euro per quei modelli maggiormente accessoriati.

La Power Steel 56280 ad esempio rappresenta una full optional, caratterizzata da una struttura in tre strati resistente verso gli agenti atmosferici, con una capacità di 26000 litri di acqua. A parte la pompa, fra gli oggetti in dotazione è compresa pure la scala.

A parte le piscine Bestway, c’è anche la marca Gre, le fuori terra formate da una struttura in lamiera d’acciaio, prodotta con elevata qualità per il materiale usato e la struttura, ciascun dettaglio è ben curato, sono robuste e belle e soprattutto durano nel tempo.

Il marchio Gre a differenza degli altri, presenta qualità e particolarità, è possibile scegliere fra diverse forme e dimensioni e più colori.

Fra le linee maggiormente richieste c’è: la Dream Pool e San Marina, sono piscine fuori terra che sembrano abbiano un rivestimento di aiuole piene di fiori, oppure totalmente costruite in sasso, o in legno.

Chi vuole dare risalto alla piscina come un complemento di arredo, i pannelli, color bianco daranno una lucentezza splendida lucentezza all’interol giardino. La linea Nature Pool invece si consiglia per chi preferisce il legno e pone a disposizione del cliente piscine di diverse dimensioni e formati.

Pavimento in cemento e l’impasto autolivellante

La realizzare di un pavimento in cemento è semplice, occorre l’impiego di un composto autolivellante che spalanca le porte del fai da te e si colora con tante sfumature. Ecco altre informazioni su pavimentisulweb.it .

Per la realizzazione di un pavimento in cemento, dunque, occorre semplicemente l’impiego di un composto autolivellante.

I pavimenti in cemento, oggi, cambiano aspetto, rendendosi sempre più accattivanti, spaziando sia con i colori che con le finiture, difatti, vengono preferiti pure per le pavimentazioni di interni.

Da quando è nata la concorrenza tra i pavimenti in cemento ed altri materiali edilizi, un gran numero di appassionati si interessa alle sue caratteristiche, ai tipi ed alle tecniche di posa.

I pavimenti in cemento a lungo, sono stati impiegati, in modo esclusivo per realizzare superfici industriali, a differenza di oggi che invece cambiano aspetto, rendendosi molto più accattivanti, grazie a colori, finiture, al punto da esser preferiti pure per le pavimentazioni di interni.

 

Pavimento in cemento per interni

Il cemento è uno dei materiali edilizi maggiormente amati, il metodo più semplice per la posa di un pavimento in cemento è l’impiego dell’impasto autolivellante, adatto anche per i principianti.

Nello specifico, il composto autolivellante viene miscelato con facilità e poi distribuito sul pavimento, così l’impasto di cemento si livella autonomamente, va comunque steso con una spatola, prima che si asciughi.

Cemento autolivellante

Il cemento autolivellante è un materiale particolarmente caratterizzato da una composizione più raffinata e fine, a differenza di altri tipi di cemento. La sua particolarità è data proprio nel livellare bene l’impasto e andare a rendere la superficie totalmente piana.

Il cemento autolivellante è disponibile in commercio e l’impasto viene preparato grazie l’impiego di acqua, con proporzione di 5 oppure 7 litri per 25 kg di prodotto. Per coprire 1 mq di superficie, è sufficiente l’impiego di 1 kg di autolivellante. Prima dell’acquisto del composto, bisogna stilare un progetto, in previsione del calcolo della dimensione della superficie, comprando la giusta quantità occorrente per l’operazione da realizzare.

Gli strumenti per posare un pavimento in cemento con l’impasto autolivellante

Gli strumenti occorrenti per la posa del cemento autolivellante sono:

  • un secchio;
  • annaffiatoio;
  • una cazzuola;
  • rullo con prolunga;
  • pennello;
  • rullo frangibolle;
  • spatola d’acciaio;
  • detergente;
  • martello;
  • acqua;
  • composto autolivellante
  • soglia.

Procedimento per posare un pavimento in cemento

Per la posa di un pavimento in cemento, bisogna preparare il fondo, è consigliabile colmare i vuoti con un piccolo quantitativo di composto autolivellante quasi 12 ore prima dell’effettiva posa dell’impasto, o con la malta.

In seguito occorre rimuovere la polvere e lo sporco, grazie l’aspirapolvere e detergere la superficie, ed aspettare qualche giorno per la perfetta asciugatura del fondo.

Le novità del bollo auto

Grandi novità per il bollo auto sono previste dalla legge di Stabilità, è stata approvata difatti, l’ esenzione del bollo per le auto e le moto storiche che hanno più di trenta anni di vita.

L’abolizione del bollo auto

Il bollo è una tassa legata al possesso di un veicolo, difatti, a prescindere dal suo utilizzo o meno, per gran parte dei veicoli si è tenuti alla corrispondenza di un bollo nei termini che la legge prevede. La proprietà del veicolo viene certificata dai registri del PRA e della Motorizzazione, che sono in aggiornamento costante. I proventi del bollo auto sono versati nelle casse della Regione laddove è fissata la propria residenza.

Si tratta dunque, di una tassa di possesso che deve essere corrisposta obbligatoriamente, ecco in casi particolari previsti dalla legge.

Il bollo auto abolito è previsto dalla nuova legge di stabilità, per le auto e le moto storiche che hanno più di trent’anni.

Il bollo auto è un tributo locale che si paga su automobili e moto nel territorio nazionale, il cui relativo costo viene stabilito a livello regionale a seconda degli elementi come la potenza del veicolo e la classe di inquinamento. E’ un importo che grava sui diversi costi da dover sostenere per le proprio auto, fra le proposte maggiormente interessanti per il bollo auto, emerge quella del Presidente della Commissione Finanza delle Camere, Daniele Capezzone che prevede l’abolizione del bollo auto per i nuovi acquisti.

Si verrebbe così, incontro a un costo che è già notevole sostenuto per acquistare la propria automobile, prevedendo così nei primi cinque anni di vita del veicolo, di non pagare il bollo.

Si tratta di una proposta che non ha avuto l’esito sperato e non c’è stata neanche la sua discussione in sede di approvazione della legge di stabilità, per poter dare spazio a vari provvedimenti relativi.

Nella legge di stabilità nuova, è stata data quindi, molta attenzione alle auto e moto storiche, con la previsione di nuovi interventi in materia.

E’ stato innalzato al tempo di trenta anni, l’esenzione del bollo possibile da applicare, modificando così quanto stabilito dalla legge del 21 novembre 2000. I commi due e tre di tale legge avevano in previsione l’esenzione delle auto e delle moto storiche aventi venti anni.

Dopo la conferma del primo comma della legge del 2000, si è accertata l’esenzione della tassa di bollo per veicoli e motoveicoli, dai trenta anni in poi dall’anno della fabbricazione.

Anticipazioni di Beautiful: Liam è scomparso.

Fin dal giorno del matrimonio sulla spiaggia tra Wyatt e Steffy, Liam sembra scomparso nel nulla. Il suo distacco dall’azienda e dalla famiglia sembra motivato dal legame fortissimo che il ragazzo aveva con Steffy e che forse non si è mai del tutto spezzato. Ma trascorsi alcuni giorni dal matrimonio, qualcuno inizia a preoccuparsi seriamente per lui e a chiedersi dove sia realmente finito.
Ovviamente quel qualcuno è Bill Spencer, che decide di chiedere al fidato Justin di cercare suo figlio, costi quel che costi. Le prime tracce che l’uomo trova, non sembrano spiegare la sua assenza, anzi rendono ancora più incerta la possibilità di una partenza e di un allontanamento volontario. Intanto, dopo il periodo brillante delle nozze e dei primi giorni d’amore di matrimonio, Wyatt sente il bisogno di parlare con sua madre e di capire come mai, nonostante l’avesse annunciato a tutti, non ha presentato al matrimonio il suo misterioso uomo, Adam.
Dopo aver salutato Steffy quindi, Wyatt decide di raggiungere Quinn a casa per capire come stia e quale sia la verità sul suo nuovo amore. Ma ciò che il ragazzo trova davanti ai suoi occhi al suo arrivo è sconcertante: sua madre, Quinn, si sta baciando con il suo fratellastro Liam. Wyatt è sconvolto e chiede spiegazioni alla madre e al fratello, che però lo fissa con sguardo interrogativo, come se non lo riconoscesse affatto. Infatti Liam chiede freneticamente Wyatt a ripetere il suo nome poiché non solo non sa chi sia Wyatt ma non sa più nemmeno il suo nome.
Wyatt gli dice con forza che si chiama Liam. Inizia una accesa discussione tra madre e figlio: Wyatt supplica sua madre di smetterla e le gli intima di non rovinare tutto. Intanto Liam sente delle voci nella sua testa, è stordito e spaventato e Wyatt cerca di rassicurarlo. Quinn spiega in fretta a Wyatt la grande opportunità che ha avuto a causa della commozione cerebrale di Liam. Wyatt, stordito, si rende conto che la madre sta dicendo di essere innamorata di suo fratello. Egli dichiara che lei è assolutamente folle e che non vuole più starla a sentire.
Fonte: http://anticipazioni.org/beautiful

Finanziamenti con cambiali per lavoratori autonomi

Una delle possibilità di riuscire ad ottenere un prestito personale per protestati da lavoratore autonomo è quella di utilizzare i prestiti cambializzati.

Solitamente questa categoria di persone, cioè i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti con partita Iva, se risultano essere protestati o come cattivi pagatori, hanno grandi difficoltà nell’ottenere un prestito personale.

Soluzioni finanziarie per lavoratori dipendenti

Il lavoratore dipendente può facilmente accedere alla cessione del quinto dello stipendio sfruttando la sua busta paga ed il fatto che l’importo della rata mensile gli verrà detratto direttamente alla fonte. In poche parole è come se al posto suo fosse il suo datore di lavoro ad occuparsi dei pagamenti mensili.

Soluzioni finanziarie per i pensionati

Anche il pensionato può sfruttare la cessione del quinto, questa volta utilizzando la propria pensione e vedendosi detrarre la rata mensile direttamente dal cedolino della pensione. In questo caso è l’ente pensionistico ad occuparsi dei pagamenti.

Soluzioni finanziarie per lavoratori autonomi

Il lavoratore autonomo essendo il suo stesso datore di lavoro non può usufruire di tali agevolazioni e deve quindi agire in maniera differente.

La cambiale permette a tutti coloro che sono privi di busta paga di poter ottenere una linea di credito, qualsiasi disguido finanziario si avesse subito. Tutti i cattivi pagatori ed i protestati possono quindi accedere ai prestiti cambializzati per lavoratori autonomi a patto che siano in possesso di una casa di proprietà.

Per quale motivo serve essere titolari di una casa? Gli istituti di credito che si occupano di prestare il denaro ad una persona già soggetta a problemi di natura finanziaria hanno bisogno di garanzie. Se il debitore che firma le cambiali è possessore di una casa questa potrà essere sequestrata dall’autorità giudiziaria nel caso in cui il debitore dovesse venire meno alla sua promessa di pagamento e non dovesse quindi rimborsare quanto scritto sulle cambiali entro la loro data di scadenza prestabilita.

Un’altra alternativa al prestito cambializzato è la soluzione del finanziamento con garante, una linea di credito dove vengono utilizzate le garanzie reddituali di un altro soggetto che, prenderà parte al finanziamento ricoprendo questo importante ruolo.

La cessione del quinto nel prestito personale

Prestiti con cessione del quinto

La cessione del quinto dello stipendio è un tipo di prestito personale che va ad estinguersi grazie alla cessione di una parte dello stipendio, o meglio di una quota del salario prevista entro il quinto dell’ammontare dell’emolumento valutato però al netto delle varie ritenute.

I prestiti cessione del quinto fanno parte della categoria dei prestiti non finalizzati, per cui la somma erogata dall’istituto di credito può essere utilizzata per qualsiasi scopo senza dover fornire motivazioni o giustificazioni su come verrà utilizzato l’importo oggetto della richiesta di prestito.

Le caratteristiche del prestito cessione del quinto

Come suggerito dal nome stesso, il calcolo cessione del quinto prevede che l’ammontare massimo della rata di rimborso del prestito non sia superiore al valore di un quinto (pari quindi al 20 %) dello stipendio mensile netto continuativo. Il rimborso avviene tramite trattenuta della rata direttamente in busta paga, riducendo ai minimi termini i rischi di insolvenza volontaria del debitore. Tale peculiarità implica il coinvolgimento del datore di lavoro, vincolato a trattenere la rata indicata nel contratto dalla busta paga del dipendente e a versarla all’istituto erogante il prestito, e a trattenere ogni somma maturata dal dipendente presso l’azienda anche nel caso di dimissioni o licenziamento.

La durata dei prestiti con cessione del quinto va da un massimo consentito di 120 mensilità ad un minimo che generalmente non scende al di sotto dei 24 mesi. In linea generale, comunque, la determinazione del termine massimo di durata del prestito dipende dalle condizioni del contratto di lavoro di cui il richiedente è titolare: il termine massimo della durata non può eccedere infatti il termine del rapporto di lavoro e il pensionamento. Nel caso in cui il richiedente sia un dipendente ministeriale questa condizione viene in parte superata, in quanto è prevista la possibilità di estinguere il debito o di traslarlo sulla pensione. Il sito di riferimento è cessionedelquintok.com.

Chi può farne richiesta

L’accesso al prestito con cessione del quinto è aperto a tutte le categorie di lavoratori dipendenti, sia che si tratti di dipendenti statali o del comparto para-statale, sia che si tratti dipendenti del settore privato. La condizione essenziale da rispettare è che l’importo massimo della rata di rimborso del prestito non superi il valore di 1/5 dello stipendio. Possono inoltre fare richiesta di tale tipologia di prestito anche i pensionati, per i quali è prevista una trattenuta di parte della retribuzione percepita. Per inoltrare la richiesta è sufficiente presentare un documento d’identità in corso di validità, il codice fiscale, l’ultima busta paga, il modello CUD o il modello OBIS nel caso si tratti di pensionati.

Chi può concedere il prestito

Sono ammessi all’erogazione del prestito le banche e gli intermediari finanziari iscritti presso l’apposito elenco dell’Ufficio Italiano Cambi, soppresso dal 1 gennaio 2008 e le cui funzioni sono esercitate dalla Banca d’Italia. Sono generalmente le società di mediazione creditizia a svolgere il ruolo di interfaccia tra il cliente richiedente e le banche o le società di intermediazione finanziaria abilitate all’erogazione del prestito. Il richiedente ha tuttavia la facoltà di rivolgersi anche direttamente all’intermediario finanziario per la richiesta del finanziamento.

Doppia copertura assicurativa obbligatoria sul finanziamento

Secondo quanto previsto dalla legge, al momento della stipula del contratto per un prestito con cessione del quinto è necessario stipulare anche un’assicurazione che tutela l’assicurato nei casi di “perdita d’impiego” o “decesso”.

Qualora si dovesse perdere l’impiego, l’assicurazione può rivalersi nei confronti del debitore ma entro i limiti del TFR maturato fino a quel momento.

Nel caso di rischio vita invece, l’ente assicuratore non può vantare diritto di rivalsa verso gli eredi del firmatario. Qualora la perdita di lavoro dovesse essere causata da evenienze imputabili al cliente, tale polizza non può coprire il debito residuo. Si parla di eventualità come dimissioni volontarie oppure licenziamento per giusta causa.

Il costo dell’assicurazione è già compreso nel piano finanziario e di conseguenza nell’importo delle rate mensili.