Le regole per un barbecue perfetto

Alzi la mano chi non ama passare una bella giornata in compagnia attorno ad un ben tavolo ed un barbecue accanto. Le grigliate dovrebbero essere inserite nella lista dei patrimoni mondiali dall’Unesco.

Il profumo del cibo che si cucina lentamente, il calore della legna, le chiacchere che si fanno durante l’attesa, e poi finalmente il momento in cui ci si appresta a mangiare tutti insieme.

C’è chi dice che, la cottura fatta sul barbecue sia un’arte, ed in effetti è vero.

Ci sono vere e proprie scuole e corsi da seguire per arrivare ad essere il re del barbecue, ma per questo titolo servono davvero molte conoscenze e strumenti.

Primo tra tutti serve uno dei migliori barbecue a legna in commercio, poi serve la conoscenza delle materie prime, la passione, il tempo e…. non ti vogliamo svelare già tutto subito.

Reggiti forte, perché ora ti diremo le regole d’oro per un barbecue perfetto.

 

Barbecue perfetto: tutte le regole

La cucina grigliata è un’arte e come tale va rispettata.

Molti si improvvisano grandi maestri del barbecue, ma la realtà è che, dietro, c’è una conoscenza davvero enorme da avere.

Abbiamo pensato fosse giusto aiutarti, e darti le giuste dritte per arrivare ad avere la corona di “Re del barbecue”.

Un piccolo vademecum che devi seguire per avere carne, pesce o verdure grigliate alla perfezione.

 

Barbecue perfetto: niente fiamma

La prima regola fondamentale è quella di evitare assolutamente la fiamma. Cosa s’intende con questo?

In pratica, il cibo va cucinato solo ed unicamente quando si hanno delle braci ardenti, mai quando c’è ancora il fuoco acceso. Le fiamme porterebbero ad una parte esterna bruciata ed una parte interna cruda. Un vero disastro.

 

Barbecue perfetto: no al forchettone

Altra regola importante è quella di non utilizzare mai il forchettone per girare gli alimenti posti sulla griglia.

Il forchettone andrebbe a bucare l’alimento facendone uscire i suoi succhi interni, che sono fondamentali per mantenerne ed esaltarne il gusto. Utilizza sempre una paletta o delle pinze.

 

Barbecue perfetto: i trucioli come aromi

Altro piccolo segreto è quello di mettere qualche pezzettino di legno sulle braci ardenti.

Questi pezzettini, che possono essere di rovere, castagno, melo, ecc., emaneranno un profumo che andrà ad impreziosire anche la carne, od il pesce, sulla griglia.

Delle note del tutto nuove alle tue ricette.

 

Barbecue perfetto: la giusta marinatura

Anche la preparazione prima della cottura è fondamentale.

L’alimento deve essere trattato in maniera ottimale, e marinarlo prima della cottura è la soluzione vincente.

La marinatura perfetta è composta da 5 elementi:

  • parte grassa (ad esempio l’olio, ma anche il burro o, perché no, uno yogurt)
  • parte acida (ad esempio il limone o l’aceto)
  • sale
  • erbe aromatiche
  • spezie

Il tempo poi parte da un minimo di 30 minuti, per arrivare anche ad un giorno intero di marinatura.

 

Barbecue perfetto: il riposo post cottura

Soprattutto per la carne, devi tenere presente che è necessario lasciarla qualche minuto a riposo prima di servirla nel piatto.

Tieni conto poi che, la temperatura interna della carne tende a salire per qualche minuto anche dopo averla tolta dalla griglia.

Il segreto sta proprio nel calcolare anche questo piccolo dettaglio e toglierla, quindi, al momento perfetto. Durante il riposo raggiungerà la perfezione.

Un po’ di pratica e poi ti verrà naturale.